Pubblicazione dell’Associazione per l’Interscambio Culturale Italia Brasile Anita e Giuseppe Garibaldi

Publicação bimestral . Nº 125 - 126 - Ano XIV - Março / Abril 13 - R$ 10,00

La paura di votare non conviene al Pd

por andrea em segunda-feira, 9 de agosto de 2010 às 15:40

 

Se i democratici si presentassero con questo gruppo dirigente e questa coalizione, perderebbero. La loro insicurezza costituisce la principale fonte di sicurezza per l’attuale maggioranza di governo. Visto che anch’essa ha molto da temere da nuove elezioni

L’IPOTESI di elezioni anticipate sembra preoccupare soprattutto il Centrosinistra. In particolare, il Pd. Per ragioni di numeri, anzitutto. Se si presentasse con questo gruppo dirigente e con questa coalizione – l’asse con l’IdV di Di Pietro – perderebbe. Poi, perché dovrebbe affrontare i propri dubbi, irrisolti, circa le alleanze, gli obiettivi, i valori. L’insicurezza del Pd – e del Centrosinistra – costituisce la principale fonte di sicurezza per l’attuale maggioranza (si fa per dire…) di governo. Visto che anch’essa ha molto da temere da nuove elezioni.

Come farebbe Berlusconi a giustificare una crisi, in tempi così difficili per l’economia? La defezione di Fini e dei suoi fedeli, inoltre, modificherebbe sostanzialmente l’identità territoriale di questa maggioranza. Se si votasse davvero in novembre, il Centrodestra si presenterebbe con i volti della triade Berlusconi, Bossi e Tremonti. Vero partito forte: la Lega. Principale prodotto di bandiera: il federalismo. Insomma: un’alleanza politica “nordista”. Berlusconi e il Pdl avrebbero concreti motivi di temere il voto. Perché in Italia, per vincere le elezioni (governare, ovviamente, è un altro discorso), bisogna disporre di un elettorato “nazionale”. Distribuito sul territorio in modo non troppo squilibrato. Come la Dc, nella prima Repubblica, e Forza Italia, nella seconda. I principali baricentri, non a caso, dei governi del dopoguerra.

Il Pci, invece, nella prima Repubblica ha conosciuto fasi di grande espansione, ma è sempre rimasto ancorato alle regioni “rosse” dell’Italia centrale. Quanto al Centrosinistra, nella seconda Repubblica, in quindici anni di esperimenti, non è riuscito a superare i vincoli territoriali – ma anche politic  – ereditati dal passato. Il progetto dell’Ulivo, guidato da Prodi, dopo il 1995 ha viaggiato sospeso fra Ulivo dei partiti e Partito dell’Ulivo. Ha, comunque, delineato un soggetto politico di tipo italo-americano. Dove coabitassero posizioni politiche e culturali molto diverse e perfino lontane tra loro. Come i Democratici negli Usa e la Dc in Italia (un esempio evocato spesso da Parisi). L’Ulivo, erede dei partiti di massa (democristiani e comunisti, soprattutto), ma “nuovo”, per identità e metodo di selezione del gruppo dirigente e dei candidati. Le primarie ne sono divenute il marchio. Un’alternativa all’organizzazione tradizionale e, nel contempo, al partito mediatico e personale, imposto da Berlusconi.

L’Ulivo di Prodi evoca un soggetto politico di coalizione, “largo” ed eterogeneo. Ha vinto due volte – o, forse, una volta e mezzo. Nel 1996 e nel 2006 (quando al Senato ha perso quasi subito la maggioranza). Ma si è rivelato incapace di garantire stabilità e coesione. Da ciò, nel 2007, il passaggio al Pd, guidato da Veltroni. Partito riformista, sorto con l’obiettivo di “attrarre” gli elettori dell’area di sinistra e soprattutto di centro, senza troppi compromessi e mediazioni. Correndo contro Berlusconi e il Pdl “da solo”. O quasi. Un unico alleato, l’IdV. In risposta al PdL, che si apparenta con la Lega. Le primarie, parallelamente, non servono più a scegliere il candidato premier. Dunque, non sono aperte all’intera coalizione (come nel 2005). Diventano, invece, una sorta di competizione congressuale per scegliere il gruppo dirigente e il segretario. Il problema è che il Pd non solo ha perso le elezioni del 2008 (esito prevedibile). Ma, in due anni, ha cambiato tre segretari, mentre la sua base elettorale si è ridotta sensibilmente.

Pdl e Pd, nel frattempo, si sono indeboliti – parecchio – rispetto ai partner (Lega e IdV). E ciò ha ridimensionato l’idea del bipolarismo “bipartitico”, sostenuta da Veltroni e Berlusconi nel 2008. Oggi, infatti, ci troviamo di fronte a un bipolarismo frammentato, che neppure Berlusconi riesce a controllare e pone al Pd serie difficoltà. Il bacino elettorale alla sua sinistra, nel frattempo, si è prosciugato. Oltre tre milioni di elettori: spariti. Esuli. In sonno. Oppure intercettati dall’Idv. Mentre al centro si fa spazio un nuovo aggregato che ambisce a fargli concorrenza. (Anche se l’attuale legge elettorale scoraggia ogni ipotesi di “terzo polo”). Per cui il Pd, quando evoca un governo istituzionale, che scriva una nuova legge elettorale e gestisca l’emergenza economica, più che alle difficoltà del Paese pare rispondere alle proprie. L’ipotesi, peraltro, non appare praticabile. Osteggiata dalla maggioranza, troverebbe in disaccordo anche le opposizioni. (C’è dissenso sulla legge elettorale fra Pd, Udc, Sinistra…)

Meglio – molto meglio – che il Pd si prepari alle elezioni. Senza scorciatoie. Con le attuali regole. E dica, quindi, “come” e “con chi” le intenda affrontare. Da solo o con pochi amici: non può. Perderebbe. Insieme all’IdV, oggi, il Pd potrebbe giungere intorno al 35%. Il Pdl, con la Lega, otterrebbe almeno 8 punti percentuali in più. Poi c’è l’incognita dell’astensione, che ha colpito pesantemente anche il centrosinistra, negli ultimi anni. Il Pd, per questo, deve chiarirsi e chiarirci. Con chi intende presentarsi? Quali formazioni e quali leader? L’esperienza del passato suggerirebbe la ricerca di intese molto larghe, senza pregiudizi. A sinistra e al centro. Attorno ad alcuni obiettivi di programma. Pochi e precisi. Relativi all’economia e al lavoro, alla legalità, alle regole istituzionali, al rispetto dell’unità nazionale, alla legge elettorale. Insomma: proponendo il programma delineato per il governo istituzionale alla verifica elettorale.
Un’alleanza che, come l’Ulivo nel 2005, scelga il candidato – i candidati – con il metodo delle primarie. Ma senza vincitori annunciati. Primarie aperte. Dove possano competere – e vincere-  Bersani, Di Pietro, Letta, Chiamparino. Ma anche Vendola, Casini, Rutelli, Tabacci. E altri candidati ancora, noti e meno noti.

L’ipotesi non è entusiasmante e si presta, ovviamente, a critiche. Una su tutte. Si tratterebbe di un collage antiberlusconiano e antileghista. Osservazione fondata, che non ci scandalizza. D’altronde, questa legge elettorale non l’abbiamo voluta noi. E l’asse Berlusconi-Bossi oggi costituisce un metro di misura e di riferimento  -  politico e istituzionale – non eludibile.

Tuttavia, da parte del Pd, ogni ipotesi, ogni idea – anche diversa da questa – è meglio dell’attuale afasia. Non temiamo le elezioni – per noi, anzi, sono ottime occasioni di lavoro. Temiamo, assai più, l’assenza di alternative e di speranze. Questo bipolarismo imperfetto tra un centrodestra che non ci (mi) piace e un centrosinistra (oppure centro-sinistra) che non c’è.

Escreva um comentário