Pubblicazione dell’Associazione per l’Interscambio Culturale Italia Brasile Anita e Giuseppe Garibaldi

Publicação bimestral . Nº 125 - 126 - Ano XIV - Março / Abril 13 - R$ 10,00

D’Alema: “Al voto per salvare l’Italia Un’alleanza costituente manderà a casa il governo”

por andrea em domingo, 30 de janeiro de 2011 às 11:25 D’Alema: “Al voto per salvare l’Italia Un’alleanza costituente manderà a casa il governo”

Poi, referendum sulle istituzioni. “Una consultazione potrebbe chiedere agli italiani di scegliere tra parlamentarismo e presidenzialismo”. “La legittimazione maggioritaria usata contro il principio di legalità: questo il vero atto eversivo”. “Siamo in una crisi democratica gravissima. Le opposizioni mettano da parte politicismi e interessi personali.

Massimo D’Alema, Pd, 61 anni,è stato presidente del consiglio dal ’98 al 2000. Da un anno presiede il Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica

ROMA - “Il Paese attraversa una crisi democratica gravissima. Se Berlusconi non si dimette, l’unico modo di evitare l’impasse e il caos politico-istituzionale è andare alle elezioni anticipate. Chiedendo agli elettori di promuovere quel governo di responsabilità nazionale che è necessario al Paese, per uscire da una crisi così profonda. Lancio un appello alle forze politiche di questo potenziale schieramento: uniamoci, tutti insieme, per superare il berlusconismo”. Massimo D’Alema rompe gli indugi. Di fronte alla “notte della Repubblica” in pieno corso, il presidente del Copasir apre per la prima volta al voto anticipato, e invita tutti, dal Terzo Polo all’Idv alla sinistra radicale, ad allearsi con il Pd in una sorta di “Union sacrè” elettorale.

Presidente D’Alema, siamo al punto di non ritorno: il Quirinale lancia un serio altolà contro la degenerazione politica, tanto da far ipotizzare ad alcuni ministri un ricorso all’articolo 88 della Costituzione, e quindi lo scioglimento delle Camere. Lei che ne pensa?
“Mi lasci essere prudente su iniziative che vengono attribuite al Capo dello Stato. Ma il solo fatto che circolino ipotesi di questo tipo dimostra quanto sia drammatica la situazione in cui ci troviamo. Ormai siamo in piena emergenza democratica. Non voglio parlare dello scenario morale, che pure è uno dei lasciti più devastanti del berlusconismo come disgregazione dei valori condivisi. Mi riferisco alla crisi politica e istituzionale, al conflitto tra i poteri dello Stato innescati da un premier che rifiuta la legge. Questo è il vero fatto eversivo: la legittimazione maggioritaria che si erge contro il principio di legalità. Una situazione insostenibile, che ci ha portato alla paralisi totale delle istituzioni, e persino all’idea pericolosa di fare appello alla piazza contro i magistrati, di cui stavolta tutto si può dire fuorché non abbiano agito sulla base di un’ipotesi accusatoria fondata. La vera anomalia è nel fatto che in tutti i paesi del mondo un leader nelle condizioni di Berlusconi si sarebbe dimesso già da tempo, o sarebbe stato già “dimesso” dal suo partito”.

Qui non succede. Il premier si dichiara innocente, e dice che ad andarsene deve essere Fini, invischiato nella vicenda della casa di Montecarlo. Chi ha ragione?
“Trovo paradossale questa campagna contro Fini. Ciò che gli si imputa non ha alcuna rilevanza pubblica e non c’entra nulla con il modo con cui presiede la Camera dei deputati. In realtà le istituzioni sono state trasformate in un campo di battaglia e davvero non vedo, nella maggioranza, senso dello Stato”.

Ma è con questa realtà che dovete fare i conti. Come se ne esce?
“Noi abbiamo dato la nostra disponibilità a lanciare una fase costituente con le forze che ci stanno, per aprire una crisi e proporre un governo alternativo. Ma a questo punto, se Berlusconi non prende atto dell’insostenibilità della sua posizione di premier, l’unica soluzione è quella delle elezioni anticipate”.

Non avete più paura del voto?

“Non abbiamo mai avuto paura. Era doveroso esperire tutti i tentativi per impedire una fine traumatica della legislatura. Ma ora anche questa fase si sta consumando. Quando Bossi ripete che è ancora possibile fare il federalismo – al di là del merito assai discutibile dei decreti in esame, definiti con sconcertante solennità “federalismo” – esprime una pia illusione: non si accorge che proprio la paralisi creata da Berlusconi è il principale ostacolo per raggiungere lo scopo? Ora vedo che Casini parla di larghe intese come in Germania. E’ bello questo riferimento, salvo che al posto della signora Merkel noi abbiamo il presidente Berlusconi, che non è esattamente la stessa cosa. In ogni caso, Casini aggiunge che se le larghe intese non fossero possibili, bisognerebbe andare alle elezioni anticipate. Lo giudico un fatto positivo, che rafforza il mio appello sul voto e sul governo di responsabilità nazionale. Non c’è altra strada. L’idea di ricomporre un centrodestra “europeo”, rispettoso dei magistrati e dell’etica pubblica, non è più all’ordine del giorno. In quella metà campo c’è solo un blocco di potere, creato da Berlusconi, e una minoranza fanatica che lo segue sempre e comunque”.

“Minoranza”, dice lei? L’hanno votato milioni di italiani.

“Le confermo: minoranza. Oggi Pdl e Lega, insieme, sono al 40%. Le forze dell’opposizione rappresentano il restante 60%, cioè la maggioranza degli italiani”.

Ma non rappresentano un’alternativa credibile, e dunque votabile. Lo dicono tutti i sondaggi.
“Questo è il punto. L’opposizione appare debole perché finora non ha saputo delineare un progetto alternativo, né contrastare il ricatto del premier che afferra il Paese per la gola e gli dice: o me o il nulla, non esiste alternativa possibile. Per questo propongo di rompere lo schema. Di fronte al conflitto istituzionale permanente e alla paralisi politica, le opposizioni sono chiamate a una forte assunzione di responsabilità. Qui c’è una vera e propria emergenza democratica. Se ne esce solo con un progetto di tipo costituente, che fa coincidere la conclusione del ciclo berlusconiano con la fine di una certa fase del bipolarismo e raduna il vasto schieramento di forze che si oppongono a Berlusconi: presentiamoci agli elettori e chiediamogli di sostenere un governo costituente che abbia tre obiettivi di fondo”.

Ce li riassuma. Primo obiettivo?
“Primo obiettivo. Sciogliere il nodo della forma politico-istituzionale del bipolarismo italiano. Siamo in un sistema plebiscitario e populista, costruito intorno a Berlusconi. Dobbiamo finalmente costruire un bipolarismo democratico. Occorre stabilire un nuovo equilibrio. Quale forma di governo vogliamo? Non demonizzo l’ipotesi presidenzialista, sul modello francese. L’importante è ridefinire in un quadro organico il sistema delle garanzie, dei contrappesi, dei conflitti di interesse, dell’informazione. E a tutto questo occorre collegare un modello di legge elettorale coerente, che ci consenta di salvare il bipolarismo, ma rifondandolo su basi nuove. La scelta del modello istituzionale si potrebbe persino affidare ai cittadini. Si potrebbe pensare ad un referendum popolare di indirizzo, per far cominciare davvero la Seconda Repubblica, chiedendo agli italiani di esprimersi: repubblica presidenziale o repubblica parlamentare?”.

Gli altri due obiettivi?
“Il secondo è un grande patto sociale per la crescita. Lo sperimentammo sull’euro, e fu il vero successo degli Anni Novanta. Oggi ce n’è altrettanto bisogno. Ma non può essere affidato solo alle parti sociali, nè può essere pagato solo da una delle parti. E questo mi sembra il vero limite dell’accordo Fiat: la modernizzazione solo sulle spalle degli operai. Il nuovo patto deve contenere un’impronta liberale, ma temperata da una forte carica di giustizia sociale e di lotta alle disuguaglianze. Il terzo obiettivo è il funzionamento dello Stato. Lo stesso federalismo, se non è collegato a una vera riforma della Pubblica Amministrazione (e quella di Brunetta non lo è) si riduce a semplice redistribuzione del potere tra le elite”.

Ma perché questa idea del governo dell’emergenza dovrebbe funzionare ora, visto che se ne discutete inutilmente da mesi?
“Perché la situazione precipita. La crisi politico-istituzionale, l’accavallarsi delle vicende giudiziarie, la guerra tra i poteri dello Stato. Cos’altro deve succedere, per convincerci della necessità di una svolta?”.

Chi è il candidato premier di questo Cln che si presenta alle elezioni anticipate? È vero che lei punta su Casini, per chiudere l’accordo con il Terzo Polo?
“Non punto su nessuno e non spetta a me questa indicazione. Se questa riflessione sarà condivisa, sarà il mio partito con il suo segretario e i suoi organismi dirigenti a compiere le scelte necessarie”.

La scelta può cadere anche su un “papa straniero”, tipo Draghi o Monti?
“Mi creda, questa è una partita troppo importante per essere giocata nel solito toto-nomi. L’importante è avere chiara la portata della posta in gioco”.

Il Pdl è in pieno disfacimento, ma anche il Pd non sta messo bene. Che mi dice del disastro delle primarie a Napoli?
“Intanto a Napoli spero che venga accolto l’appello di Bersani a trovare una soluzione unitaria. Più in generale, mi auguro che questa vicenda ci aiuti a fare una discussione serena e non ideologica. L’ho detto un migliaio di volte, guadagnandomi sul campo l’accusa di “nemico del popolo”: ci sarà pure un motivo se gli americani, che le primarie le hanno inventate, hanno un sistema che assicura il voto solo agli iscritti al partito, e non al primo che passa. Se avessimo adottato questo sistema anche noi, oggi sapremmo chi ha votato a Napoli, e non ci troveremmo in questo caos. La democrazia è fatta di regole, altrimenti è pura demagogia. Io non sono contro le primarie. Anzi, le voglio salvare. Ma per salvarle, so che dobbiamo regolarle in un altro modo”.

Escreva um comentário